Il governo del cambiamento
4 agosto 2018
laFonteTV (871 articles)
0 comments
Share

Il governo del cambiamento

Qualche anno fa, il mio amico Z’ Vassilucc’e, scriveva: “Le varie stagioni della vita e del tempo si accavallano. Sui monti le nevi si sciolgono e, purtroppo, anche i ghiacciai. Il pianeta Terra, non sorride: troppi luoghi sono devastati da guerre fratricide ed in troppi continuano a morire di fame, di stenti e di contraddizioni di un sistema economico che continua a sfruttare tutto e tutti. Il grande risultato dei “quattro si” di qualche mese fa, dei quali già tutti si sono dimenticati, è stato unicamente quello di indicare una via: riprendiamoci la politica ed il diritto di decidere”. La morale, quella pubblica, in particolare ora che la crisi, guarda un pò, è arrivata sul tavolo di chi ci governa, suggerisce a chi eccede, di farsi da parte. Ora, il risultato è, ovvero, dovrebbe essere: fuori dalla politica chi ostenta, chi ha approfittato e chi approfitta, ovvero tana tutti! Nessuno canti vittoria, ce n’è per tutti: destre, centri, sinistre, laici e religiosi. La sinistra, quella dei poveri, degli sfruttati e degli ultimi dovrebbe rileggere la storia a cominciare dalla polvere del muro di Berlino e da quella stagione, tutta italiana, di mani pulite.

Ieri ed oggi, ci vogliono uomini e donne coraggiose, capaci di usare la scopa della nonna per fare economia e politica: una nuova legge che abolisca i vitalizi parlamentari. Una nuova legge elettorale, che consenta di scegliere il Delegato. Una nuova legge sul conflitto d’interessi, che non consenta ai portatori di interessi diffusi, nonché detentori di titoli in borsa, di sedere in Parlamento. Una nuova legge significativa che riduca la delega politica in Parlamento (300 e son già troppi); nelle Regioni (tetto max dei consiglieri n° 20 ed in proporzione ai residenti il resto); nelle Province (meglio abolirle, sono un doppione, inutile anche quelle sopra i 300 mila abitanti) e nei Comuni (max 20 ed in proporzione ai residenti il resto, ma lasciarle tutte vive perché, come le scuole, sono il tessuto vivo della realtà locale). Una nuova legge che riduca e proporzioni al costo della vita, lo stipendio dei Dirigenti a tutti i livelli dell’Azienda Pubblica, Banca Italia compresa, con il premio di produttività funzionale e con la possibilità a chi governa di cambiarli tutti ad ogni stagione politica, ovvero rendere precari ed a tempo determinato solo loro! Un nuovo ed unico organismo internazionale dove nessuno abbia il diritto di veto e dove tutti i Paesi del Pianeta Terra possano eleggere i loro rappresentanti: 3 per tutti i paesi, nessuno escluso… esclusi quelli che pensano sempre che la terra è di chi fa zappare e di chi ricava profitti dal lavoro altrui.

Ed, in particolare, il potenziamento del sistema di controllo dell’applicazione delle Leggi che ogni governo, sovrano, emana; queste, rispettate da tutti i governi del Pianeta, senza concedere la possibilità di paradisi di qualsiasi genere, compresa la mano d’opera a costi schiavistici.

Aboliti i vitalizi vecchi e nuovi dei parlamentari; ridotto il numero di questi da novecento e rotti, a soli duecento max; riproporzionato gli stipendi di tutti i Dirigenti pubblici nonché delle partecipate; abolite tutte le Province; stabilito l’incompatibilità di un amministratore pubblico, di essere anche membro di comunità montane, pro-loco, aziende partecipate, nuclei industriali etc.; definito i controlli, governati da aziende autonome ed indipendenti… avremmo iniziato una nuova era difficilmente riconducibile al gioco clientelare; sicuramente strutturale, non contingente e fumoso!

Altro che 45 miliardi di manovra!

Ma, tutto questo è un sogno da regalare ai nostri figli perchè possano trasmetterlo ai nostri nipoti. Da questa crisi, che non è del singolo cittadino, ma di un sistema economico, si può uscire proclamando un anno sabbatico, ovvero un anno di moratoria, un nuovo giubileo della Terra, dove ogni nazione ed ognuno dei ricchi re, satrapi e satrapini (ovvero Presidenti di nazioni e Parlamenti, Ministri, Senatori e Deputati) lascino ciò che hanno accumulato o ereditato, concedendo loro un vitalizio simbolico da consumare su un’isola in mezzo agli oceani, perché a chi decide di rimanere sulla terra ferma non va concesso il diritto di sfruttare.

Affido alle onde del mare che ora vengono ed ora vanno; ai venti che soffiano ovunque sul pianeta; alle stelle sempre splendenti nei cieli; ai sogni impossibili che affollano le teste vuote dei sognatori; a chi leggerà le mie righe e a quelli che saranno capaci di sorridere senza mai rinunciare ai loro sogni, a quelli che sul pianeta saranno sempre capaci di trovare fratelli e sorelle figli tutti di Zatot, senz’altro e sicuramente abitanti del Pianeta Terra.

 

Za-za bum-bum: Vi ripropongo e regalo ai Signori del governo del cambiamento questa lettera, integralmente, ri-trovata dentro “la bottiglia dei sogni” del mio amico Z’ Vassilucc’e (… che, mi pare, integri lo scenario descritto con il mio articolo Non governa la Speranza del mese di Giugno) scritta molto tempo prima del “loro” programma elettorale e contratto di governo, con l’augurio di realizzarlo, chiedendo e rivendicando … che, almeno, citino la fonte!

Mi permetto anche di ricordare a me stesso, a chi legge, ai molti tifosi delle curve politiche che: Parole, scritti e fatti non sono punti paralleli tra di loro, bensì punti di una medesima retta che si coniugano con “coerenza” (© copyright / francesco pollutri – riportato in tutti i programmi annuali consegnato nelle scuole statali dal 1974 e specificato nei dettagli dal 1988)

Non tirerò pietre, “io”, e mi auguro che loro, quelli del governo del cambiamento, non ne debbano raccogliere molte, né che si debbano fornire di macchine blindate, anche se non blu! … ma, soprattutto, dopo aver completato lo sdoganamento di retrivi reazionari della destra estrema, iniziata da quello dell’altro ieri, “quelli del 5stelle senza padroni” ed orfani della “sinistra becerata”, non debbano fare i conti con i nuovi sceriffi con pistola e potere in mano … nonché Vangelo e rosario per uso e consumo personale, specchietto retrovisore per allodole della vita

laFonteTV

laFonteTV