Indice del numero 155 – Novembre 2018
31 ottobre 2018
laFonteTV (851 articles)
0 comments
Share

Indice del numero 155 – Novembre 2018

In questo numero:

-Scatto d’autore: “Copertina del numero di novembre 2018

di Guerino Trivisonno

– il dono dello spirito

di Rosalba Manes

– dirottiamo la storia (Lettera aperta a quanti credono in un futuro nonviolento)

di Antonio Di Lalla

– rivestirsi di gioia

di Michele Tartaglia

– una forma di paralisi

di Dario Carlone

– tela: “sketch”

di www.su-mi.org

– il dramma del sisma 2002

di Davide Vitiello

– petali al suolo

di Enzo Bacca

– complessità della fase politica

di Famiano Crucianelli

– operai sempre a rischio

di Giuseppe La Serra

– l’equivoco della crescita

di Rossano Pazzagli

– possibilità di riscatto

di Benito Giorgetta

– il valore della persona

di Vincenzo Musacchio

– gli indifferenti

di Tina De Michele

– il manicomio era femmina

di Petronilla Di Giacobbe

– solo e disperato

di Loredana Alberti

– i numeri della speranza

di Christiane Barckhausen-Canale

– Bolla de sapone

di Lene Antenone detto Scartaccia

– Fotografia: “Punto di fuga”

di Greta Polimene

– una grave e mortale malattia

di Filomena Giannotti

– oreficeria sacra abruzzese

di Gaetano Jacobucci

– parli bene, pensi meglio

di Gabriella de Lisio

– c’era una volta l’italia

di Antonio De Lellis

– il prezzo della finanziaria

di Marco Branca

– molise nostrum

di Remo Stefanelli

– il piacere di visitare il molise: (Museo Sannitico a Campobasso)

di Pietro La Serra

– reddito di sudditanza

di Franco Novelli

– genitori separati

di Maurizio Corbo

– microplastiche

di WWF OA MOLISE

– migranti molisani

di Angelo Sanzò

– vorrei un governo folle

di Franco Pollutri

– la rosa e il garofano d’india

di Gildo Giannotti

– masse, popolo e populismo

di Gian Mario Fazzini

– infrastrutture di qualità

di Silvio Malic

– gatto acchiappatopi

di Domenico D’Adamo

– dirottiamo la storia (Lettera aperta a quanti credono in un futuro nonviolento)

di Antonio Di Lalla     a pag.3

Lo ammetto: ho goduto di un privilegio, oggi per fortuna esteso alla stragrande maggioranza dei cittadini. Non ho mai varcato la soglia di una caserma, neppure per fare la visita militare. D’altronde la mia formazione nonviolenta, radicata nel vangelo,…

laFonteTV

laFonteTV