Ma sostanzialmente cosa deve essere la “Cittadinanza Attiva” e quale modello deve nascere per incentivare il semplice cittadino ad essere parte attiva

È ora che la politica faccia proprie le istanze che i larinesi rivendicano da anni e con umiltà qualifichino i rapporti con la Soprintendenza Archeologia, Beni Culturali e Paesaggio.

I larinesi vogliono valorizzare questo patrimonio che considerano memoria e testimonianza acquisita del passato, che considerano eredità e luogo della propria identità.

E se il Molise non si fosse opposto al nucleare? Come sarebbe l’Italia oggi? Appare come una provocazione forse, eppure è tutto vero.

L’estate larinese 2019 ha contribuito ad arricchire il centro frentano di iniziative ludiche e culturali di tutto rispetto.

A Termoli la campagna elettorale per il rinnovo del consiglio comunale è stata caratterizzata dai cantieri. Lavori in corso ovunque, forse a voler dimostrare che l’amministrazione uscente teneva a cuore la città.

Questa gente sottolineava molto chiaramente la differenza qualitativa tra la vecchia e la nuova società e la rottura totale che doveva venire tra i due sistemi”.
Ci piace questo proposito: fermare quel tempo che era d’altri e far iniziare un tempo nuovo.

Anno 2019: le periferie sono sempre più il Sud delle città. Degrado, abbandono, illuminazione intermittente, rifiuti abbandonati per giorni soprattutto in concomitanza di festività, marciapiedi colabrodo, strade come groviera.

Zappone, di via Jovine, del Foro e l’area alle spalle del tribunale devono essere zone archeologiche fruibili. Diversamente l’opera di tutela e conservazione praticata dal MiBAC risulterà essere inutile e vissuta ancora una volta come un furto, un esproprio, contemplato dalla legge,