Ufficialmente aperto l’anno rodariano, che si concluderà il 23 ottobre 2020, speriamo invece si possa restituire al pubblico un Gianni Rodari che sia davvero parte fondamentale della storia della cultura italiana,

Don Lorenzo Milani è nei miei pensieri con fastidiosa invadenza, in questo principio di anno scolastico. Non mi lascia in pace, non lascia in pace la mia inadeguatezza

Barbero è lettura illuminante per quanti hanno imparato a memoria, secondo tradizione, che Attila era nient’altro che un rozzo individuo che emetteva suoni inarticolati e si circondava di energumeni primitivi.

Alla vigilia di un nuovo anno scolastico, la mente corre ad alcune tematiche che mi sono particolarmente care e che l’editrice La Meridiana tratta con particolare premura.

I fogli cominciano a prendere vita, il bianco diminuisce e il nero aumenta.

Un altro anno scolastico si chiude. Lei non sa di quali bellezze noi insegnanti siamo i privilegiati custodi. Affezionarsi a dei ragazzi, vederli crescere, accompagnarli mentre passano dalle codine al rossetto, dalla voce infantile ai baffetti,

È il principio per il quale, oltre alla vittima, va curato e preso in carico il bullo, perché bene non sta. “La violenza dei minori è un fatto grave, l’irresponsabilità educativa degli adulti lo è ancora di più.

Ci voleva una ragazzina di 16 anni per dire al pianeta che è malato, per gridare in faccia ai grandi le loro responsabilità

L’autonomia delle regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, in corso di approvazione, è un evento che sarà ricordato come uno spartiacque storico.