Ricordi autunnali
10 Novembre 2020
laFonteTV (1846 articles)
0 comments
Share

Ricordi autunnali

Oggi voglio condividere con voi un ricordo che ha a che vedere con il mese di ottobre. Oggi è il 18 ottobre, ed esattamente un anno fa ci ha lasciato un mio grande amico, un compagno di strada per più di 25 anni. Si chiamava Manuel Perez, ma tutti lo conoscevano come Perico, era cileno e faceva parte di tutti quei suoi compatrioti che avevano dovuto fuggire dal loro paese dopo il golpe dei militari capeggiati da Pinochet. Perico era stato politicamente attivo fra gli studenti ed era militante del movimento MIR, aveva trovato accoglienza a Berlino Ovest e ci siamo conosciuti a Berlino Est nei primi mesi dell’esistenza del centro interculturale femminile S.U.S.I.

Per più di 25 anni Perico ha accompagnato S.U.S.I. nelle forme più diverse, come membro della giunta direttiva dell’ associazione, come organizzatore di feste ed eventi culturali, come cuoco, produttore di non so quante centinaia di empanadas, specialità culinaria cilena, e, soprattutto, come amico sempre disponibile a sentire i nostri problemi e trovare delle soluzioni.

C’è una cosa che non ho mai capito: Perico non ha mai voluto ritornare in Cile, neanche per una visita breve. Neanche quando migliaia di cileni esiliati sono ritornati dopo la fine della dittatura militare. E c’è di più: Perico non ha mai voluto uscire da Berlino, viaggiare in Europa, visitare altri paesi, visitare altre città della Germania. Ed è per questo che ha un valore molto speciale il fatto che, più o meno 15 anni fa, si è offerto di portare il mio archivio “Tina Modotti” da Berlino a Bonefro, in macchina.

Così, Perico ha conosciuto Bonefro e qualche bonefrana o bonefrano, ha provato i cibi tipici ed ha gustato il vino “fatto in casa”; in quel breve soggiorno a Bonefro ha assistito ad una riunione con giovani bonefrani che avevano voglia di creare una associazione culturale, e ci ha trasmesso le sue esperienze in materia di organizzazione. Il progetto che abbiamo elaborato in quella riunione non ha trovato appoggio regionale o europeo, i giovani hanno perso il loro ottimismo, l’ associazione è rimasta un sogno, ma finalmente abbiamo fondato, poco più di tre anni fa, l’associazione CREA TINA, e Perico ha vissuto il tempo sufficiente per ricevere questa bella notizia.

Ma se n’è andato il 18 ottobre 2019, il giorno che ha segnato l’inizio della grande rivolta popolare in Cile. E come ho scritto ieri sulla mia pagina facebook, “ci sono momenti in cui mi piacerebbe essere credente, per immaginarmi Perico che osserva dal cielo come, a poco a poco, si stanno aprendo nella sua patria las grandes alamedas”.

Neanche da morto Perico è ritornato in Cile. Riposa in un cimitero di Berlino, la città che lui, con il tempo, aveva considerato “la sua città”. Ed è vivo in quel bel centro interculturale femminile S.U.S.I. e nel cuore di tante amiche e tanti amici che ieri lo hanno ricordato con un bicchiere di vino rosso, cantando Venceremos. ☺

 

laFonteTV

laFonteTV