Sì al vitalizio!
3 Dicembre 2014
0 comments
Share

Sì al vitalizio!

Concordo pienamente con Frattura padre e tutta l’associazione di ex consiglieri regionali per il mantenimento del vitalizio, contro ogni tentativo di decurtazione, perché è una sporca manovra proletaria per affamarli.

Se oggi con quel misero stipendio da fame che tutti conosciamo, e nonostante i mille rivoli che confluiscono nei loro portafogli, i consiglieri regionali sono costretti a pagare coi soldi pubblici (cioè nostri!): acquisto di mutande e vibratori per l’igiene personale, il caffè e la brioscia per la colazione, notti brave a puttane per smaltire adrenalina, libri come Mignottocrazia perché non si finisce mai di imparare, cenette collettive perché intorno al desco non si sta mai da soli, vacanze e casinò per allargare gli orizzonti, finanche i 50 centesimi per la porta del cesso, la realtà supera infinitamente ogni fantasia, tanto che ad oggi solo nel Molise tra i solo 32 consiglieri regionali indagati alcuni sono stati già rinviati a giudizio, che ne sarà di loro quando torneranno alla vita ordinaria e non ci sarà più pantalone a pagare e nessuno se li cagherà?

Per non ritrovarli in strada a raccattare cicche di sigarette per poter concedersi una fumata a scrocco come ai vecchi tempi, sì al vitalizio ora e sempre!

Calibro 12

 

eoc

eoc