si torna al voto  di il gruppo
29 Aprile 2013
0 comments
Share

si torna al voto di il gruppo

 

Il 26 e 27 maggio anche i cittadini di Ripabottoni sono chiamati alle urne per l’elezione del nuovo consiglio comunale. Il gruppo “il Bene in Comune per Ripabottoni” è pronto per dire la sua in questa competizione elettorale. Questo progetto nasce dall’esigenza di dare una nuova prospettiva al paese, nasce dalla voglia di portare avanti un nuovo modo di amministrare più vicino alle persone e nell’interesse generale. Nasce per dire che Ripabottoni è un bene di tutti e da preservare. Quindi alla base del programma vi sono le persone con le proprie esigenze ed aspettative e poi il territorio, l’ambiente ed uno sviluppo ecosostenibile.

Abbiamo voluto aprire il nostro programma a tutti i cittadini con l’iniziativa “il cantiere delle idee”, che ha ottenuto un ottimo successo, per rendere ogni singolo cittadino protagonista di questo progetto, di questo necessario cambio di rotta.

I problemi che attanagliano la nostra comunità sono tanti, la questione ricostruzione post-sisma, lo spopolamento, il continuo isolamento, il lavoro. Tutti questi temi, secondo il nostro parere, si possono affrontare e risolvere solo attraverso la concertazione ed il continuo confronto con la gente. Quindi metodi nuovi e persone nuove, questo è il nostro obiettivo. Anche nella composizione della lista terremo conto dell’obiettivo della parità di genere e dell’inclusione di forze giovani che possano, attraverso le proprie competenze pregne di entusiasmo, giungere al tanto auspicato cambiamento.

Vogliamo essere un’amministrazione vicina ai giovani e agli anziani che sono le categorie più svantaggiate, con l’individuazione di luoghi adatti alla socializzazione e al confronto anche generazionale. Vogliamo una Ripabottoni al passo coi tempi, aperta al mondo, capace di farsi conoscere ed apprezzare per le proprie bellezze e caratteristiche, vogliamo rendere il nostro paese più accogliente e vivibile. Un paese pronto alla collaborazione e alla cooperazione con i comuni limitrofi, visto anche il processo di accorpamento con la nascita delle “unioni dei comuni”. Siamo convinti che solo attraverso un discorso simile si possa uscire da una situazione stagnante, tutte le amministrazioni della nostra area dovrebbero fare uno sforzo in questa direzione, perché deve essere chiaro un concetto, le nostre comunità si salvano solo se si riesce ad andare oltre il campanile. Questa è la sfida.

La raccolta differenziata porta a porta, l’autosufficienza energetica da fonti rinnovabili, punti internet wi-fi con accesso gratuito, servizi sociali rivolti ai più deboli, trasparenza dell’attività amministrativa, una ricostruzione equa e ponderata, cura del territorio, coinvolgimento, sostegno all’intrapresa privata e cooperativistica, questi sono i nostri punti fermi. Ripabottoni deve cambiare pagina e riscriverne una nuova perché tutti dobbiamo essere attori protagonisti di questo cambiamento.

Insieme è possibile!!

Il gruppo “il Bene in Comune per Ripabottoni”

 

 

eoc

eoc