Tag "Christiane Barckhausen-Canale"

Dio che faccia diventare realtà i miei sogni.

L’unica speranza è stato il vaccino, ed effettivamente, quando iniziava l’estate, avvertivamo un sollievo perché in paese sono tornati gli emigrati,

Grande confusione

La stessa mancanza di conoscenza della storia che scopro nella frase di Salvini

La terza donna

B. nasce a Mosca, nel 1930, pochi giorni prima dell’arrivo di Tina in quella città. Sua madre, russa, lavora nella fiscalia dello Stato, il posto in cui, pochi anni più tardi, si preparano i processi contra i “nemici del popolo”.

Di quei ventitre anni di vita di Rita rimangono le sue poesie e qualche lettera in cui, fra l’altro, parla del padre da cui è fuggita anche per sfuggire agli abusi;

Tina non si chiama più Tina, ma Maria, non fa più la fotografa, ma pubblica il giornale del Soccorso Rosso e anche un libro di poesie di Miguel Hernandez, Vientos del Pueblo (Venti del popolo).

Al tempo di quell’incontro, Tina Modotti aveva 41 anni, Gerta 27. Tina aveva rinunciato alla fotografia; Gerta si trovava all’inizio della sua carriera professionale.

Credo che questa situazione, questa rabbia crescente sia causata anche, in grande misura, dai mass media, almeno in Italia.

Oggi, dieci giorni dopo l’8 marzo, non posso non ricordare ed onorare le donne coraggiose