Tag "Febbraio2012"

  Nel mese di novembre, in coincidenza con la proclamazione dei nuovi consiglieri della Regione Molise, abbiamo pubblicato un documento con cui chiedevamo ai nuovi eletti di adottare misure ragionevoli di riduzione dei costi della politica. Siamo grati al consigliere

  Bancomat Se dovessi mai essere costretto da un rapinatore a ritirare soldi da un bancomat, è possibile avvisare la polizia inserendo il PIN# in senso inverso. Per esempio, se il tuo numero di pin è 1234, dovresti digitare 4321.

  “La moltiplicazione del male non ha futuro, la mediocrità interessata non ha speranza di poter prolungare la sua sopravvivenza a spese dei puri di cuore, degli operatori di pace, degli appassionati per la giustizia; e con essa, ogni egoismo

  Chi pensava che per il Governo dei Tecnici sarebbe stata una passeggiata risolvere i problemi del Paese sbagliava di molto. Il cancro che ha colpito il sistema è molto più profondo di quanto si potesse pensare. La crisi, come

  culto della Madonna della Libera al ministero episcopale di Barbato, originario del villaggio Vandano del comune di Cerreto nel VII secolo. Dopo gli studi a Benevento, operò come sacerdote a Morcone. Divenne così popolare e ammirato per il suo

  Mentre la nave affonda i passeggeri continuano a danzare: non si tratta della “Concordia” ma del nostro Paese. Iorio è contento per aver  approvato il bilancio in consiglio regionale con tutti i voti della sua maggioranza e di essere

  L'attuale situazione politica è sicuramente complessa. Semplificando, potremmo dire che il Parlamento, azienda politica dello Stato, è andato in crisi perché la Politica ed i lavoratori in essa impegnati non sono stati capaci di effettuare quelle operazioni intese a

  “Oggi ciò che manca di più agli italiani è lo spazio. Uno spazio fisico, ma anche mentale, che significa possibilità, futuro e speranze. Per decenni questa sensazione di apertura è stata il motore della nostra crescita e lo stimolo

  Chiamiamola Maria: va in un consultorio, non ha ancora deciso cosa fare, dopo alcuni giorni decide di abortire con la RU486. Bisogna certificare lo stato della gravidanza, fare gli esami e l’ecografia – come stabilito dalla legge 194. L’iter