Tag "Gennaio2012"

L’appuntamento è per  sabato 21 gennaio alle ore 10,30 presso cinema s. Antonio di Termoli.       I costi della politica sono sempre più intollerabili in una Italia che chiama a sacrifici spropositati alcune categorie, guarda caso sempre le stesse.

  Prime incursioni dell’inverno, sferzate di vento gelido, paesaggio scabro, ondate di repentino silenzio. Leggo un frammento di Alceo: Zeus manda pioggia, grande inverno dal cielo, sono ghiacciati i corsi d’acqua…annientalo l’inverno, buttando fuoco su fuoco, mescendo senza risparmio vino

  In Italia tira una brutta e deprecabile aria di razzismo e il Molise non ne è esente grazie ad istituzioni come la Provincia di Campobasso e lo stesso Comune. Insieme avevano fatto dichiarazione pubblica di voler provvedere a trovare

  Domenico Antonio Vaccaro, singolare artista nato a Napoli nel 1681, fu architetto, scultore e pittore. Nella bottega del padre Lorenzo apprese la tecnica della scultura e come pittore seguì Francesco Solimena e fu, nello stesso tempo, ammiratore del Fanzago.

  Abitiamo una insignificante periferia di una insignificante regione in una nazione che ha perso significato e, fino a qualche giorno fa, anche derisa a livello internazionale per il pessimo e ridicolo governo; oggi, sotto la minaccia dei mercati, è

  Occorre ragionevolezza. Mario Monti sta tentando – nel giro di un pugno di settimane – il salvataggio dell’Italia portando sulle spalle un’eredità pesante: quella di un governo impresentabile, che ha svuotato le casse, sbeffeggiato le regole, e portato sull’orlo

  Per ogni cosa che c’è sotto il cielo c’è il suo tempo, dice il Qoelet nella bibbia. È proprio questo concetto di tempo, il tempo giusto, diverso dal tempo che semplicemente scorre, ad essere oggetto della riflessione di Gesù

  Nel mese di novembre scorso è apparso alle stampe La soglia della felicità, (Qulture Edizioni, Roma 2011) opera prima di Carmine Berardo, che in questo modo comincia a scoprire una passione latente da diversi anni, quella per la scrittura.

  Ora che la nostra nazione sembra aver riconquistato una posizione di prestigio in mezzo agli altri Stati europei, pare che anche l’orizzonte “linguistico” abbia ritrovato la sua dimensione consueta, allontanandosi dal basso profilo che lo aveva caratterizzato negli ultimi