Indice del numero 200 – Gennaio 2023
29 Dicembre 2022
laFonteTV (3309 articles)
Share

Indice del numero 200 – Gennaio 2023

Nel numero di gennaio 2023

– pittura: “Edith Stein” foto di copertina

di Ana Maria Erra Guevara

– é festa…

di Carlo A. Roberto

– fascismo: nostalgia canaglia (Lettera aperta di un analfabeta politico)

di Antonio Di Lalla

– all’inferno con amore

di Michele Tartaglia

– faticare per il pane

di Dario Carlone

– foto: “Termoli”

di Guerino Trivisonno

– ritrovare l’orgoglio

di Raffaele Jannucci

– parco eolico in mare

di Famiano Crucianelli

– futuro e tradizione

di Marco Branca

– cambiare rotta

di Rossano Pazzagli

– violenza di genere

 di Patrizia Manzo

– istantanee dal 2022

 di Tina De Michele

– buon 2023

di Marcella Stumpo

– semplicemente maria

di Loredana Alberti

– nulla di nuovo in occidente?

di Christiane Barckhausen-Canale

– tela: “Ritratto in un interno”

di www.su-mi.org

– giano dei nostri tempi

di Luciana Zingaro

– il barocco italiano in francia

di Gaetano Jacobucci

– al suono del nèbel

di Enzo Bacca

– donare libri

di Gabriella de Lisio

– uno stato democratico partecipativo

di Michele Blanco

– è tutto loro quello che luccica

 di Rodolfo Di Martino

– larino: sogni per rinascere

di Pasquale Di Lena

– guerra e sofferenze

di Franco Novelli

– no alle armi nucleari

di Antonino Drago

– pittura: “Senza titolo”

di Antonio Scardocchia

– foto: “Ogni vita è preziosa”

di Antonietta Parente

– il colibrì e le vertigini

di Franco Pollutri

– la pioggia

di Lucia Berrino

– i manufatti di Cleofino Casolino: “Chiesa a portata di mano!”

di Cleofino Casolino

– una pianta che sa di formaggio

di Gildo Giannotti

– libri: “AGENDA 2023” poesie Kitchen edite e inedite

di Dario Carlone

– nessuno può salvarsi da solo

di Silvio Malic

– viva la pizza

di Filomena Giannotti

– le chiacchiere di toma

di Domenico D’Adamo

 

editoriale

fascismo: nostalgia canaglia (Lettera aperta di un analfabeta politico)

                                                     di Antonio Di Lalla      a pag.3  

Da analfabeta politico so che il 27 gennaio del 1945 l’armata rossa entrò nel campo di concentramento di Auschwitz costringendo il mondo a prendere atto di quanto non si voleva né sapere né credere.

laFonteTV

laFonteTV