Ha ancora senso questo racconto per i cristiani? Gli antichi avevano evitato il problema saltando direttamente dal peccato alla venuta di Cristo.

La Torah, con la sua indipendenza dalla storia del popolo nella terra, diventa il libro di riferimento anche per gli ebrei

Se la nonviolenza annunciata da Gesù vale per i suoi discepoli, la legge del taglione rimane valida per chi si appella alla legge di Mosè come criterio identitario della propria religione.

I protestanti hanno semplicemente sottratto i deuterocanonici, prima pubblicati in appendice e poi eliminati del tutto, ma hanno conservato lo stesso ordine della bibbia di Gutenberg.

Abbiamo così una chiara indicazione per l’ecumenismo: in comune i cristiani hanno il Nuovo Testamento e quella parte dell’Antico in comune con l’ebraismo;

La domanda che forse nasce da tutto questo è: qual è allora la bibbia vera,

Ma sta accadendo qualcosa di totalmente ingiustificato, sproporzionato rispetto a quello che ha fatto Hamas,

Fu così che il Nuovo Testamento greco di Erasmo da Rotterdam, opera più agile ed economica, divenne il testo di riferimento per chi voleva leggerlo nella lingua originale

Il metodo storico fa esattamente questo: pone i testi nel loro contesto, evitando quella distorsione visiva che appiattisce tutto in una dimensione destoricizzata