Fragile eden
5 Maggio 2021
laFonteTV (1945 articles)
0 comments
Share

Fragile eden

Fragile davanti al tempio di natura.
Che sia benedetta ogni cima d’acero
d’abete ogni verde ogni quiete, ogni larice
ogni odore respirato e trattenuto, ogni specie
e fusto ed erba e altra pula e fronda, ogni foraggio.
Mi scopro fragile ma onnipotente
perché negli occhi scorre talmente
tanta bellezza da poter morire d’incanto
qui in quest’attimo – ora – io spora
io foglia io ramo io sentiero – io dio –
Scusami Supremo se prendo il nome tuo
il seme in prestito per un fiotto ancora.
Canto nudo nel silenzio per esser nudo come loro,

corteccia e fiori e humus e sterco abbraccio
e ocra e azzurro e giallo e rosa e crepuscolo
nell’eden che umido sfora pupille e ossa.
Santo come loro, fragile ma pieno.

– fragile –
come questo eden fragile

a primavera.

 

laFonteTV

laFonteTV