Tutto quello che c’è
14 Maggio 2022
laFonteTV (2393 articles)
0 comments
Share

Tutto quello che c’è

Non c’è presente senza passato e non ci potrebbe essere un futuro senza aver vissuto il presente. Pensiamo spesso alla morte e ne abbiamo paura. Ma se non esistesse la morte come potremmo apprezzare la vita?

Nella mia mente hanno preso forma un insieme di pensieri di non c’è. Non c’è nero senza colori, né gioia senza felicità e così via. Poi ho pensato che il mio momento del “non c’è” avrei potuto invertirlo. Perché no? Riformulare tutto all’incontrario.

C’è la guerra ma arriverà la pace. C’è l’odio ma c’è anche tanto amore. C’è la prigione ma c’è la libertà e cosi via. E mentre riformulavo tutto all’incontrario ho capito, ancora una volta, che dipende, sempre e solo da me. Dipende anche da me. Posso scegliere in quale squadra giocare e nonostante possa sembrare una follia io scelgo la squadra del c’è. Mi piace tanto pensare che c’è il tramonto ma arriverà l’alba. Che alle attenzioni e carezze non ricevute ce ne sono state tante a cui non ho dato peso, sulle quali non ho posato lo sguardo.

La vita riserva sempre sorprese e non sempre sono gradite. Cambia, si evolve, diventa insopportabile e a volte crudele. È ben noto a tutti ciò che stiamo vivendo e non c’è una risposta plausibile a questa follia. Eppure c’è sempre la speranza. Si muore, e pure in croce, ma si risorge. Dico sempre ai ragazzi che incontro di avere coraggio. Di non temere, prendendo in prestito queste parole: “Le cose vecchie sono passate: ecco ne sono nate nuove”. Non ci sono squame di vecchi fermenti che possono resistere all’urto della grazia” come diceva Don Tonino Bello.

Mai come in questo momento mi hanno fatto comprendere che se poso lo sguardo dove è giusto che cada posso vedere un’infinità di c’è. Li ho ritrovati anche nei versi di una poesia di Emily Dickinson – la cui data di composizione è incerta – che recitano: “per fare un prato servono un trifoglio e un’ape; trifoglio, ape e sogno. Ma basta il sogno se le api sono poche”.

Vedere solo quello che non abbiamo ci rende insoddisfatti. Godere invece delle poche cose certe ci permette di allargare il cuore e lo sguardo. Ancora sono tante le cose che non riesco a vedere. Ma so che posso farcela ad allungare lo sguardo sul qui e l’oltre.☺

 

laFonteTV

laFonteTV