Trentuno poesie…..di Roberto Roversi
4 Giugno 2013
0 comments
Share

Trentuno poesie…..di Roberto Roversi

 

22. Da noi si parla sempre

dei problemi dell’anima

che sono grandi problemi.

Non si parla di come fare per mangiare

questa mela sul tavolo e come arrivare a sera

senza morire o (se è possibile) senza troppo soffrire.

Un problema molto serio ma limitato

sembra una storia non vera.

Sembra un problema non nato.

 

34. Disteso sul sagrato

della basilica di San Petronio

piazza Maggiore città di Bologna.

La piazza sembra un campo di sassi.

Sono disteso sul sagrato.

Conto una per una le stelle che non hanno cuore.

Sono lì incazzate.

Sono quattro candele ormai spente.

La piazza è piena di gente che ha i nervi a pezzi

e non può dormire

mentre le notti d’estate

sono lunghe e terribili da finire.

Poi arriva il giorno

con un brivido di vento gelato.

 

Roberto Roversi da Trentuno poesie di Ulisse dentro al cavallo di legno, 1981

Roberto Roversi

A cura di Loredana Alberti

 

eoc

eoc