Vivere l’attenzione
18 Settembre 2021
laFonteTV (2060 articles)
0 comments
Share

Vivere l’attenzione

Si parla tanto di attenzione oggi. È una parola che sento spesso. Molte volte la uso anche io quando dico che non c’ è attenzione in chi mi ascolta, in chi condivide le mie giornate. È la parola usata spesso dagli insegnanti per descrivere l’atteggiamento della classe o di alcuni ragazzi.

Non c’è abbastanza attenzione per il nostro pianeta. Nonostante si faccia attenzione a ciò che utilizziamo, a come ricicliamo i materiali rimane però sempre un margine di disattenzione. In questo momento storico che stiamo vivendo la parola attenzione è il green pass nella nostra quotidianità. Bisogna fare attenzione alle distanze da mantenere, all’utilizzo della mascherina, alle regole, attenzione agli altri.

A pensarci bene, non utilizzavo questa parola così spesso prima. Mai avrei immaginato di aiutare un bambino a fare i compiti e a dover fare attenzione ai suoi gesti, ai suoi comportamenti perché attraverso tutto ciò potrebbe comunicare la possibilità che stia vivendo una quotidianità di attenzioni sbagliate. Ma siamo stati sempre così attenti? O per esserlo troppo e per paura siamo sempre e solo attenti a ciò che ci permette di vivere bene e stare tranquilli nel nostro piccolo mondo? Siamo così impegnati a fare attenzione a difenderci da ciò che può mettere in pericolo la nostra vita, la nostra famiglia, il nostro lavoro che abbiamo dimenticato cosa voglia dire essere attento all’altro; potrebbe esser un semplice saluto oppure fare un po’ di compagnia a chi è solo. Essere attenti a come impieghiamo il nostro tempo. Essere attenti verso chi ha perso il lavoro. Essere attenti nei confronti delle donne che ancora oggi muoiono perché vittime di violenze o semplicemente perché sono solo donne. Attenti a chi arriva da lontano e che non arriva per togliere ma per arricchire quello che non so. Attenti a chi è in carcere, a chi è strano perché non è come noi.

È una lista lunghissima l’attenzione. Se ognuno di noi ne prendesse un pezzo sarebbe molto più semplice.

Non molto tempo fa una bambina di dieci anni mi ha detto: “Se l’attenzione fosse una persona per me il mondo sarebbe più bello”.☺

 

laFonteTV

laFonteTV