Tag "Salvini"

la Legge Basaglia ha posto fine ad una delle pagine più buie della vita repubblicana. 40 anni dopo ci troviamo a dover difendere quella scelta. Appuntamento 12 agosto a Casacalenda

Ad 80 anni dalle leggi razziali, eminenti personalità politiche ci propongono un censimento, su basi etniche, di una parte della popolazione italiana

La paura dello straniero è alimentata dalla convinzione che i diritti siano un qualcosa di limitato, che non può essere garantito a tutti. Dunque, prima gli italiani!

Da Tangentopoli ai giorni nostri abbiamo assistito alla caduta dei partiti tradizionali a vantaggio dei populisti. Quale la soluzione?

Invece di ascoltare il “cazzaro verde” che ci aizza contro i disperati, potremmo proporre una scuola di arti e mestieri a San Giuliano e combattere lo spopolamento

Situazione confusa

Non è un buon inizio. La situazione politica italiana è fastidiosa prima ancora che pericolosa. Se il governo che verrà, dovesse portare avanti con coerenza la flat tax, il reddito di cittadinanza e la riforma della Fornero, noi ci troveremo di fronte rapidamente ad una situazione finanziaria insostenibile, al rischio di una bancarotta dello Stato e i prezzi sociali sarebbero altissimi

La partita non è definitivamente compromessa e in Italia esisterebbero ancora le condizioni per una rinascita di una coalizione democratica e di sinistra, ma sarebbe necessario ben altro di ciò che oggi passa il convento dei partiti grandi e piccoli che vengono dalla tradizione della sinistra italiana. Il problema dei problemi dei nostri giorni? Il futuro della democrazia e della sinistra nell’epoca della globalizzazione

La rabbia dei diseredati porta al governo i ricchi, questo è il paradosso con cui fare i conti, prima che sia troppo tardi. Si parla molto di Gramsci nell’ottantesimo anniversario della sua morte e proprio dalle sue riflessioni ci può venire un prezioso aiuto: la sua intuizione della rivoluzione come processo sociale che nel suo farsi cambia la società; cultura, sapere e conoscenza come via maestra per l’emancipazione delle classi subalterne

C’è un filo conduttore tra la crisi economica, l’ondata migratoria e la crescita delle destre xenofobe in Europa e in America. Ed è la più complessa crisi di credibilità della politica. La stessa classe dirigente che non ha saputo trovare le giuste soluzioni a questi problemi è ancora lì, incollata ai posti di comando, e rischia di continuare ad alimentare un malcontento che spesso sfocia nell’odio e nei sogni autoritari. Come uscirne?