Tag "Novembre 2014"

“Perché non giudicate voi stessi ciò che è giusto?” (Lc 12,57) Immagina se un giorno si realizzasse quanto accade nel romanzo The Giver, il donatore. Gli uomini realizzano un mondo di una perfezione assoluta fatta di assenza di guerra-dolore-ingiustizie, dove

Emilio notte

Emilio Notte è nato il 30 gennaio 1891 da genitori veneti – il padre era di Marostica, la madre era vicentina. Giovanni Notte, ricevitore del Registro, giunse a Ceglie Messapica perché era stato inviato a reggere il locale ufficio. Da

Come oliva matura

Credente o meno, nessuno mette in discussione che novembre sia il mese dedicato al ricordo dei defunti. Un ricordo che, inevitabilmente, porta con sé una riflessione sul mistero centrale dell’esistenza umana. La morte è al centro anche dell’opera di Marco

Lettera aperta  di un terremotato sopravvissuto Sono un superstite. Non come uno studente impreparato che scampa il pericolo di una interrogazione, per niente simile a un credente miracolato che fa voti per grazia ricevuta. Il terremoto del 31 ottobre 2002

La buona scuola?

Molte sono le perplessità che La buona scuola (il documento programmatico in cui sono contenute le linee guida della prossima riforma della scuola, voluta dal governo Renzi) lascia in chi scorre i suoi 12 punti. Proviamo a sintetizzare. L’abolizione delle

Al posto di frattura

Dalla delibera 608 del 2 ottobre 2012, adottata dal governo Iorio a quella del 1 ottobre 2014 assunta dall’attuale governo regionale, cosa è cambiato per il post sisma e per i terremotati? Sarà il caso o forse il destino, ma

Il libro della Genesi è ricordato sostanzialmente per due motivi: da un lato c’è il racconto della creazione e del peccato, in tutte le sue manifestazioni (i primi 11 capitoli); dall’altro viene presentata l’origine del popolo di Israele attraverso le

Alzati e cammina

Lamentazione. L’immobilismo dell’essere umano si sta evolvendo fino a diventare fattore innato trovando la sua massima espressione in periodi come il nostro. Così ci scontriamo, nostro malgrado, con persone che proiettano tutto il loro senso di fallimento all’esterno non facendo

Inventori nel Molise?

Un tempo esistevano gli “inventori”, oggi preferiamo chiamarli maker [pronuncia: meicher]! E di recente si sono incontrati a Roma in una fiera loro dedicata, vetrina di ciò che sarà la realtà del futuro! Il ricorso al vocabolo inglese allontana dal